Covid-19 una sintomatologia mai vista prima

traduzione di articolo pubblicato sul sito Coronaclic del Collegio della Medicina Generale francese che tratta della sintomatologia anomala della Covid-19


Covid-19: una sintomatologia mai vista prima

Di Marielle Ammouche il 01-04-2020

Se astenia, tosse e febbre generalmente moderata fanno parte della maggior parte dei quadri clinici di Covid-19, la patologia è caratterizzata da una variazione significativa dei sintomi nella loro natura e nella loro durata, in relazione al fatto che la popolazione non è mai stato esposta a questo virus prima d'ora.

Secondo il sito Coronaclic, istituito dal College of General Medicine (CMG), i sintomi più frequentemente riscontrati durante Covid-19 sono: febbre (dall'83 al 98%, ma fino al 60% dei pazienti apirettici negli studi con un minor numero di pazienti ospedalieri, temperatura mediana = 37,75-38,3 ° C), tosse (dal 59 all'82%) di solito secca, dispnea (dal 31 al 55%), mialgia (dall'11 al 44%), confusione (9%), mal di testa (dal 6 al 13%), mal di gola (dal 5 al 17%), rinorrea (4%), dolore toracico (2%), diarrea (dal 3 al 10%), nausea vomito (da 1 a 13 %).

L'astenia è spesso descritta come significativa, associata a mal di testa a volte violento. La febbre può essere fluttuante, ma a volte anche elevata su un plateau per diversi giorni, riferiscono i medici di medicina generale. Molti malati lamentano anche dolori che, a differenza di quelli riscontrati durante l'influenza, sono spesso più dolorosi e più localizzati. La vigilanza deve essere data alle forme che si verificano negli anziani in cui i sintomi digestivi (in particolare la diarrea), la confusione, le cadute, inizialmente non febbrili, sono spesso in primo piano. Un altro segno importante è l'anosmia, a volte associata all'età, che può verificarsi improvvisamente e può anche essere l'unico segno della malattia.

Nelle ultime 2 settimane, gli specialisti ORL sono stati allertati da numerosi casi di persone che presentavano solo questo sintomo, non associato a un'ostruzione nasale. "Sembrava strano", afferma il dott. Alain Corré, AFT della Rothschild Hospital-Foundation di Parigi. Con il dott. Dominique Salmon dell'Hôtel Dieu, hanno quindi condotto uno studio su una sessantina di pazienti anosmici. Risultati: il 90% è stato positivo. La perdita dell'olfatto potrebbe essere un sintomo patognomonico. In questa fase, è l'unica presentazione specifica del nuovo coronavirus. "Nel contesto attuale, se hai un'anosmia senza naso chiuso, sei fortemente positivo, non vale la pena sottoporsi al test ", afferma il dott. Corré.


Covid-19 potrebbe essere trasmesso per via intrauterina

Le forme gravi rappresentano il 14% dei casi

Una delle caratteristiche del Covid-19 è il suo aspetto fluttuante, sottolineano i medici intervistati dall'AFP. “Quando hai l'influenza, sei all’apice dei sintomi per alcuni giorni e dopo vai generalmente sempre meglio. Qui, i pazienti stanno meglio un giorno, il giorno dopo ancora male. È molto sorprendente. In 25 anni di attività fisica non l'ho mai visto ", spiega Marianne Pauti, medico di medicina generale a Parigi. "Hanno l'impressione di non vedere la fine del tunnel", afferma un medico del lavoro a Parigi. È importante che i pazienti siano avvertiti di questa evoluzione , in modo che riposino, anche se si sentono meglio, insiste con questo medico.

L'ingresso nella malattia avviene abbastanza gradualmente, a differenza dell'influenza, ad esempio. In genere, i sintomi durano due settimane o più - a volte meno. E l'aggravamento può verificarsi in un secondo tempo. Il danno polmonare associa frequentemente dolore di diversa intensità e dispnea. Viene spesso segnalata la sensazione di avere i polmoni "in una morsa". La dispnea è spesso aggravata dall'ansia, specialmente nelle persone isolate. Secondo Coronaclic, le forme gravi rappresentano il 14% dei casi. Sono caratterizzate da dispnea, frequenza respiratoria ≥30 / min, SaO2≤ 93%, PiO2 <300 e / o infiltrato polmonare> 50% in 24-48 ore.

Le forme critiche (ARDS, shock settico e / o insufficienza multipla d'organo) costituiscono il 5% dei casi. Un brutale aggravamento può verificarsi tra il 7 ° e il 14 ° giorno, sotto forma di polmonite bilaterale, con l'aspetto radiologico a vetro smerigliato. Il dott. Pauti nota nella maggior parte dei pazienti ospedalizzati "un'incredibile tolleranza clinica: non soffocano affatto mentre hanno parametri catastrofici con la gasometria". "Quando peggiora succede improvvisamente", dice questo medico. Questo è quindi un grave disagio respiratorio acuto. Nella rianimazione, il respiratore può consentire di superare il corso, ma la situazione può peggiorare ulteriormente e portare alla morte, senza che nessuno sappia perché. "È probabilmente una reazione generale del sistema infiammatorio, puramente virale - ci sono poche infezioni batteriche secondarie", analizza. "La tragedia di questo virus, conclude, è che colpisce una popolazione vergine, ricettiva al 100%", dal momento che il nostro sistema immunitario non l'ha mai incontrato. Va ricordato, tuttavia, che nella stragrande maggioranza dei casi, probabilmente più dell'80%, le manifestazioni di Covid-19 non sono gravi o possono addirittura passare inosservate.

35 visualizzazioni

Follow me on

 

0142 55 592 Casale M.to

338 40 90 774 mobile

  • Google+ Social Icon
  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • LinkedIn Social Icon

© 2023 by Scientist Personal. Proudly created with Wix.com